Chiusura filiali? No, grazie.

“Chiusura filiali? No, grazie”, la campagna itinerante ideata e promossa da Uilca contro il fenomeno della desertificazione bancaria, nei comuni italiani più colpiti dal fenomeno.

Noi sindaci abbiamo bisogno del servizio essenziale della banca e vi sosterremo nella vostra campagna contro la chiusura delle filiali nei comuni”, così il presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) e sindaco di Bari, Antonio Decaro, durante la presentazione della campagna la scorsa estate a Bari, in occasione del Congresso Regionale Uilca Puglia, al termine della stagione congressuale dell’Organizzazione.

Per il segretario generale Uilca Fulvio Furlan, “le filiali costituiscono un presidio di sviluppo e sostegno per i territori e le comunità e di vicinanza alla clientela. Se mancano soggetti legali e regolati per erogare credito e gestire le risorse economiche, si rischia di lasciare spazi all’illegalità e alla criminalità”. Le banche non possono operare solo in termini di taglio di costi, ma devono recuperare il loro ruolo sociale e logiche di profitto e finanza sostenibile.

In Italia, dal 2015 al 2021, il numero dei comuni serviti da banche è diminuito del 14%, passando da 5.732 comuni del 2015 ai 4.902 del 2021. Gli sportelli bancari sono scesi del 28,4% e i dipendenti del settore bancario hanno subito un calo del 10,9%.

Un Van personalizzato porta Uilca con le persone e tra le piazze del Paese per tutto il 2023. Incontri istituzionali, dibattiti, interviste caratterizzano le tappe dell’on the road Uilca, durante il quale è possibile anche partecipare al sondaggio per misurare l’effetto del fenomeno sulla popolazione. L’appuntamento con la prima tappa è in Emilia–Romagna, il 31 gennaio, l’1 e il 2 febbraio. La seconda in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino il primo, il 2 e il 3 marzo. A seguire le altre regioni d’Italia durante tutto l’anno.

Uilca dice NO alla chiusura delle filiali.

Le tappe

Comunicati stampa

Comunicati dalle Strutture